30 GIORNI PER IL RESO GRATUITO

SPEDIZIONI GRATIS DA 50 Euro

SUPPORTO ONLINE

La scelta del cashmere

Per la collezione Autunno inverno 2016-2017, la stilista Lorella Nobili dopo vari viaggi per visitare produttori di cashmere approda a Ulaan Bator, Mongolia, e si innamora del pregiato cashmere locale. Dopo aver girato varie aziende produttrici mongole, la stilista sceglie quella che più si adattava per la sua collezione in termini di qualità del filato e tecniche di colorazione naturale.
Lorella racconta quanto ha appreso dal viaggio in Mongolia: “Questo filato è una fibra naturale soffice, calda e resistente. Le capre della Mongolia per sopravvivere a freddi e lunghi inverni sugli alti piani della Mongolia, sono dotate di un delicato vello (cashmere) che si trova sotto il manto. Più freddi e lunghi sono gli inverni più il vello si rinforza, cresce e migliora in qualità. In primavera le capre perdono il vello e i pastori le pettinano attentamente per estrarre il cashmere dal manto. Questo è un lavoro molto difficile che deve essere fatto a mano. Le capre manifestano il loro piacere nell’essere pettinate ed ecco perché i Mongoli definiscono il cashmere come una “happy fiber”.”

Lorella continua: “Una capra produce quasi un terzo del cashmere che serve per creare un pullover e per la rarità e la preziosità di questa fibra viene anche chiamata “soft gold”.
La filosofia Clubielle con il motto “Enjoy the best of the nature, join Clubielle” rispecchia quella della Mongolia in cui l’amore e il rispetto per la natura è un valore fondamentale del popolo. “

Lorella spiega tecnicamente la lavorazione:
“Il cashmere scelto per la collezione ha in media 16,5 micron, 36-41 mm di lunghezza lavorato in 2 ply. Quindi voglio offrire alle mie clienti il top della gamma nella qualità del filato che ho scelto appositamente per ogni design creato.”

Come prendersi cura dei vostri preziosi capi in cashmere firmati Clubielle

Ogni capo in cashmere Clubielle ha una propria etichetta dove specifica come prendersi cura dei capi acquistati.

Qui sotto vi riportiamo una linea generale da seguire per avere i vostri capi in cashmere Clubielle sempre perfetti nel tempo:

COME LAVARE IL CASHMERE

LAVAGGIO A MANO

  1. Immergete il capo in cashmere in acqua tiepida per pochi minuti utilizzando un sapone delicato per lana e cashmere.

  2. Risciacquate con acqua corrente fredda fino ad eliminare il restante residuo di sapone

 

LAVAGGIO IN LAVATRICE

 

  1. Inserire il vostro capo in cashmere al rovescio o all’interno di buste specifiche per il lavaggio di capi delicati.

  2. Utilizzare il sapone delicato per capi in lana

  3. Selezionate un programma breve per lana e delicati che non superi i 30°C

  4. Importante: Non centrifugare

     

 

ASCIUGATURA

 

  1. Arrotolate il vostro capo in cashmere in un asciugamano di spugna e strizzatelo dolcemente

  2. Utilizzate un asciugamano asciutto per assorbire l’acqua rimasta

 

STIRATURA

 

  1. Utilizzare il ferro a temperatura molto bassa per non danneggiare la preziosa fibra.

  2. Utilizzare la retina specifica per i capi delicati

  3. Stirate delicatamente al rovescio il capo

 

 

UTILIZZO DEL CAPO

   Per avere i vostri capi in cashmere firmati Clubielle sempre curati si consiglia di alternarne l’utilizzo: dopo l’uso aspettare almeno 2 giorni per quello successivo per evitare di stressare il filato. 

 

CURA DEL CAPO

 Conservare i vostri capi di cashmere Clubielle lavati e piegati in una custodia in un luogo fresco e asciutto e non dimenticatevi di inserire  nell’armadio l’antitarme.

PILLING

 

Per pilling s’intende la creazione di piccoli pallini irregolari di filato detti “pills”.

Questo fenomeno avviene anche su capi di cashmere di qualità pregiata come il cashmere bianco o white cashmere in quanto non si seguono queste regole di base appena descritte. Le motivazioni più frequenti?

 

  • Un metodo di lavaggio sbagliato

  • Un metodo di stiratura sbagliato

  • Mancanza di cura del capo

  • Utilizzo non conforme del capo

“Enjoy the best of the nature, join Clubielle”


Scroll